HOME  
 
LE COGNATE
due tempi di Michel Tremblay
 
 
STAG12/13
 
     

REPERTORIO 10

REPERTORIO I/0
 
 
 
scene: Pier Lodovico Massari
tecnico : Alan Barnabè
Adattamento e regia
Luigi Antonio Mazzoni
 

sabato 9 marzo 2013 - ore 21
domenica 10 marzo 2013 - ore 21
sabato 16 marzo 2013 - ore 21
domenica 17 marzo 2013 - ore 21
venerdì 22 marzo 2013 - ore 21
sabato 23 marzo 2013 - ore 21
domenica 24 marzo 2013 - ore 15.30



edizione 2005

 
 
personaggi
LINDA LAUZON
GERMAINE LAUZON
M. ANGE BROUILLETTE
GABRIELLE JODOIN
ROSE OUIMET
YVETTE LONGPRE’
LISETTE DE COURVAL
DES-NEIGES VERRETTE
THERESE DUBUC
OLIVINE DUBUC
LISE PAQUETTE
GINETTE MENARD
ANGELINA SAUVE’
RHEAUNA BIBEAU
PIERRETTE GUERIN
 
 
interpreti
Stefania castellucci
Paola Tampieri
Giulietta Nanni
Barbara Solaroli
Nicoletta Mazzoni
Emanuela Ancarani
Julica Gentilini
Valentina Fiori
Rita Gallegati
Antonietta Bagnara
Marina Latta
Elisabetta Frapoli
Elena Valtieri
Ilenia Zoli
Barbara Giannotti
 
Teatro dei Filodrammatici 22/03/2013
riprese filmate Francesco Minarini
 
 
 
                     
   
 
   
 
 

Quindici donne in un salotto in una non ben definita città del Quebec alla fine degli anni ’60. Grazie a uno dei tanti concorsi per massaie desiderose di gadget tecnologici, la padrona di casa vince un milione di “punti premio” dei grandi magazzini Hutton che le permetteranno di rimodernare la sua modesta abitazione. Per attaccarli agli album chiama all’appello tutte le sue conoscenti, vicine, sorelle e lontane parenti.
E, in un contesto così variegatamente “femminile”, le invidie e piccole cattiverie, supereranno ogni limite immaginabile.
Una rappresentazione a tratti brillante a tratti drammatica a tratti grottesca che mette in scena un vero e proprio repertorio di debolezze umane e di confessioni. Come in reality show , si alternano casalinghe frustrate e arrabbiate col mondo intero, zitelle bigotte e velenose, oltre ad un manipolo di giovani affamate di esperienze, aggressive e trasgressive.
Il testo tratto da Michel Tremblay, riadattato consistentemente, mette insieme realismo, provocazione, senso del grottesco e astrattismo, in un alternarsi vivace fra esibizioni individuali e lavoro di gruppo con spunti attualissimi.