HOME  
 
REPERTORIO 8  
REPERTORIO A/I
 
  LA BIZZARRA SIGNORA SAVAGE
di John Patrick - traduzione e libero adattamento Barbara Solaroli
  STAG16/17    
LOCANDINA
   
 
                   
personaggi
  Florence
Hannibal
Fairy May
Jeffrey
Il signor Paddy
La signorina Willie
Il senatore Tito Savage
Lily Bell Savage
Il giudice Samuel Savage
Il dottor Emmet
La signora Savage

     
 
interpreti  
Barbara Giannotti
Gian Luca Lusa
Valentina Fiori
Marco Sartoni
Lorenzo Visani
Stefania Castellucci
Alan Barnabe'
Diletta Bucci.
Nicola Ragazzini
Emanuele Bandini
Simona Babini
 
   
 

venerdì 24 febbraio 2017 - ore 21.00
sabato 25 febbraio 2017 - ore 21.00
domenica 26 febbraio 2017 - ore 21.00
venerdì 3 marzo 2017 - ore 21.00
sabato 4 marzo 2017 - ore 21.00
domenica 5 marzo 2017 -. ore 21.00
venerdì 10 marzo 2017 - ore 21.00
sabato 11 marzo 2017 - ore 21.00
domenica 12 marzo 2017 - ore 15.30
 
   
Teatro dei Filodrammatici
riprese filmate Francesco Minarini
 
 
  scene: Pier Lodovico Massari
costumi: a cura della Compagnia
trucco: Barbara Solaroli
 
  regia: Barbara Solaroli   
 
   
  “La bizzarra signora Savage” è una commedia arguta, deliziosa, con un significato profondamente etico nascosto dietro un’ilarità giocosa.
Un’' anziana signora ha ereditato una fortuna dal marito e la utilizza a suo modo, in una maniera che contrasta con tutte le regole economiche e sociali cosiddette “normali”, poiché vuole aiutare la gente a realizzare i propri sogni.
Proprio per questo i suoi figliastri la chiudono nella clinica “I chiostri” allo scopo di farla interdire ed evitare che sperperi tutta l' ’eredità. Ma avranno un’' amara sorpresa: l’' eredità è stata nascosta e loro faranno di tutto per riaverla indietro, anche rendendosi terribilmente ridicoli e mostrando tutto il loro carattere cinico e abbietto.
Nella clinica sarà evidente il contrasto tra la gentilezza e la lealtà dei pazienti psichiatrici e l’' avarizia e la vanità di “rispettabili” personaggi pubblici e sulla domanda “dove possa situarsi il bene” la commedia non lascerà nessun dubbio.